Crea sito

NISE, "work-shop" 2009 - 2018

Untersturmführer (Sottotenente)

1. SS-Panzerdivision “Leibstandarte Adolf Hitler“

Battaglia del Belgio – Offensiva delle Ardenne, Dicembre 1944

 

Elaborazione figurino con varie parti, scala 50mm

Giugno 2018

 

Gli speciali di NISE

 

 

 

 

 

 

Altri soggetti correlati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Galleria 2° Conflitto mondiale

 

Documentazione 2°conflitto mondiale

 

 

 

 

 

 

 

Immagini, nomi di prodotti, marchi, sono: tutelati dai rispettivi copyright se registrati o non scaduti, fanno riferimento e solo ai loro legittimi proprietari.
Sono qui pubblicati a solo titolo di informazione non costituendo profitto di sorta in tale contesto.

Le uniformi mimetiche policrome delle Waffen SS (2)

 Con questo soggetto, ambientato tra i boschi delle ARDENNE, proseguo il tema delle uniformi policrome che dal 1943 in poi sostituirono quelle più comuni delle foglie di platano e foglie di quercia.

 Nel soggetto precedente, un Rottenführer della 10. SS-Panzer-Division "Frundsberg" durante la Sacca di Falaise nell’Agosto ’44, il lavoro di pittura l’ho illustrato nel dettaglio.

 Per questo soggetto il procedimento pittorico è praticamente identico. Ci sono alcuni dettagli però diversi e che sono tipici delle uniformi imbottite tedesche.

 

 Molte aziende producono figurini per essere aggiunti ai vari mezzi corazzati. Non sempre questi soggetti sono molto dettagliati e allora hanno bisogno di essere elaborati per divenire soggetti unici.

 Il materiale che più comunemente utilizzo per aggiungere dettagli e correzioni varie è il filo di rame, fogli di alluminio, il Plasticard e lo stucco in pasta. Bene procurarsi anche una testa in resina di buona fattura e un paio di mani sempre in resina. Qualche fotoincisione può tornare utile ma non è, per questo tipo di uniforme, fondamentale.

 

 

 Filo di rame: per realizzare cordelline varie e le profilature delle tasche.

 Plasticard: per le patte delle tasche e come spessore di giunzione tra le gambe e tra queste e il busto.

 Foglio di alluminio: tramite dei bulini, realizzo i bottoni o fettucce varie.

 Stucco in pasta: facile da rendere solubile con acetone, è fondamentale per riempire vuoti e difetti di varia natura (del polistirene in genere).

 

 

 

 La colorazione della mimetica l’ho già sviscerata.

 Altri dettagli pittorici, su cui ho lavorato, riguardano la colorazione della parte bianca del parka. Un segreto per un buon bianco, se tale ancora è, è la sua soluzione con del marrone dorato e reso traslucido con un medium apposito. Il bianco troppo opaco resta spesso ruvido e fa perdere qualità al figurino, inoltre con gl’anni la polvere si depositerà sporcandolo in modo permanente.

 Le cordelline erano in colore marrone o kaki, per ragioni artistiche conviene schiarirle con del bianco.

 Le mani inguantate, essendo vicino al viso, non devono essere troppo dettagliate altrimenti il viso perderà molto della sua capacità di attrarre l’attenzione di chi osserva il lavoro finale.

 

 

 

 

Durante l’offensiva delle Ardenne furono indossati diversi capi protettivi  tra cui i parka reversibili (Copyright sconosciuto).

Questo sito

Mappa del sito

E-mail e contatti

Aiuti per navigare

Diritti d'autore e copyright

Per collaborare a NISE

A-F G-O P-Z

Creative Commons License