Crea sito

NISE, "work-shop" 2009 - 2019

LANCIA RALLY 037 EVO 1 Walter RÖHRL e Christian GEISTDÖRFER, primi assoluti

51. Rallye Automobile de MONTE CARLO, 1983

Elaborazione modello di produzione, scala 1/43

Ottobre 2019

 

Classifica all’arrivo

Primi Röhrl – Geistdörfer (Lancia), secondi Alén - Kivimäki (Lancia); terzi Blomqvist – Cederberg (Audi).

 

La meno sofferta

Al giornalista Sandro Rinieri, della Gazzetta dello Sport, Röhrl dichiarò che delle allora tre vittorie al ‘Monte quella dell’83 era stata la meno faticosa in assoluto. Giusto per sottolineare lo strapotere della Lancia su Audi.

 

Poca neve

Röhrl ha sempre sostenuto che se vi fosse stata più neve, lungo il tracciato, le Audi avrebbero potuto insidiargli la prima posizione.

 

L’incubo della squalifica

A fine gara, in parco chiuso, i commissari ebbero il sospetto che le 037 montassero una pompa per la lubrificazione del motore extra potenziata e quindi le vetture risultassero fuori dalla fiche di omologazione. Ma fatte le dovute verifiche la cosa non risultò tale. Così commentò allora Cesare Fiorio “Un’altra giornata così e cambio mestiere”.

 

 

 

Altri soggetti correlati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nise al cinema…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Segui anche…

 

 

 

 

Galleria race-car pista

 

Galleria race-car rally

 

Galleria race-car competizioni varie

 

Documentazione race-car

 

 

A close up of a car

Description automatically generated

 

A close up of a toy car

Description automatically generated

 

A truck that is driving down the road

Description automatically generated

 

A close up of a toy car

Description automatically generated

 

A close up of a car

Description automatically generated

 

 

 

A group of people standing in front of a crowd

Description automatically generated

L’arrivo al traguardo di Christian Geistdörfer Walter Röhrl e (Copyright sconosciuto).

 

 

 

 

A close up of a car

Description automatically generated

 

A close up of a car

Description automatically generated

 

A close up of a toy car

Description automatically generated

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagini, nomi di prodotti, marchi, sono: tutelati dai rispettivi copyright se registrati o non scaduti, fanno riferimento e solo ai loro legittimi proprietari.
Sono qui pubblicati a solo titolo di informazione non costituendo profitto di sorta in tale contesto.

Le ultime due ruote motrici Lancia

 Nel 1981, in casa LANCIA prese vita, sotto la responsabilità di Sergio LIMONE, il progetto SE037 e fu Cesare FIORIO, allora direttore sportivo FIAT, ad annunciare nel 1981 la nascita di un nuovo modello per il rally in sostituzione della FIAT ABARTH 131 e basato sui cambiamenti del regolamento del Mondiale rally. Nasceva infatti il Gruppo B in sostituzione del Gruppo 4.

 Il progetto fu sostenuto da una collaborazione tra LANCIA, PININFARINA, DALLARA e ABARTH, riprendendo l'evoluzione della Fiat 030 realizzata dalla Abarth nel 1974.

 LANCIA e ABARTH, sulla base del telaio della LANCIA BETA MONTECARLO TURBO da pista prodotto da DALLARA e carrozzato in Pininfarina, realizzò una vettura con trazione posteriore, un motore di 1995 cm³ capace di erogare 310 cavalli nella versione preparata per la stagione 1983.

 La carrozzeria era in Kevlar mentre il telaio era costituito dalla cellula centrale della BETA MONTECARLO a cui erano aggregate le parti anteriori e posteriori in tubolari di acciaio.

 Le sospensioni e la meccanica erano a ruote indipendenti con due triangoli sovrapposti, molle elicoidali coassiali, ammortizzatori a gas e barra antirollio. Le ruote potevano avere cerchi di diametri e passo differente in base al terreno su cui la vettura correva (il top erano gli SPEEDLINE monoblocco da 8"x15" all'anteriore e componibili da 10"x16" al posteriore).

 La produzione del modello base fu di 200 esemplari, come richiesto dal regolamento per il Gruppo B, di fatto LANCIA MARTINI RACING ne preparò 20 modelli ufficiali che furono utilizzate tra il 1982 e il 1985.

 Pur se tecnologicamente non al passo con la rivale AUDI 4 A1, la vettura vinse il Campionato costruttori Mondiale rally 1983 e il duo Walter RÖHRL e Christian GEISTDÖRFER si classificarono secondi, preceduti dall’equipaggio Hannu Mikkola HANNU e Arne HERTZ a bordo dell’AUDI 4 A1.

 

A picture containing truck, outdoor, car, person

Description automatically generated

La vettura durante il Rallye di Monte Carlo (Copyright sconosciuto).

 

 La LANCIA MARTINI 037 che partecipò al ‘MONTE del 1983 aveva il numero di serie 305, immatricolata con la targa TO Y63865. Tra il 22 e il 29 gennaio 1983 la Lancia 037, di Walter RÖHRL e Christian GEISTDÖRFER, sfidò le AUDI4 percorrendo in modo impeccabile 29 prove speciali che coprivano un totale di 709 km di cui 12 vinte da RÖHRL - GEISTDÖRFER.

 Dopo che questa 037 fu ritirata dalle corse, fu ceduta insieme ad altre 037 ufficiali a Giuseppe VOLTA della VOLTA RACING. Alla fine degli anni '80 la vettura è stata restaurata dalla stessa VOLTA RACING, venduta poi a un collezionista europeo privato e conservato in un'unica collezione privata fino al suo attuale proprietario nel 2016.

 Negli ultimi anni la vettura è stata certificata come il modello che corse il ‘MONTE del 1983 e l sua quotazione si aggira intorno agli 800.000€.

 

Il modello

 Messa in cantina la versione prodotta da VITESSE e in voga per tutti gli anni ‘90, a partire dai primi anni del 2000 IXO Models ha prodotto una scocca e un pianale utilizzato per raccolte da edicola e da altre marche come WHITEBOX.

 Ho utilizzato proprio la versione di WHITEBOX per una elaborazione economica ma di pregio della 037 vincitrice del ‘MONTE del 1983.

 In generale il modello ha una buona vernice di base, vetri puliti e non rigati, pianale base e interni stampati con attenzione e senza eccessi di colle/attacchi per fusione, i cerchi e le gomme sono perfetti. Unico neo, forse però presente nel mio modello, è la livrea sulla parte anteriore che è stata fatta aderire lasciando pieghe purtroppo non correggibili se non in minima parte.

 Un errore non da poco è la mancanza della griglia sul cofano anteriore assente nel modello di serie ma realizzata appositamente per la versione corsa.

 

A picture containing indoor

Description automatically generated

 

 Il pianale interno ha i due estintori purtroppo stampati sul pianale stesso. Quello vicino al sedile del copilota sono riuscito a rimuoverlo e a realizzarlo, il secondo è praticamente irraggiungibile con qualsiasi utensile abrasivo. Si rischia, nel tentativo di rimuoverlo, di rovinare il tunnel.

 

A picture containing indoor, floor, yellow, table

Description automatically generated

 

 La parte del motore sono riuscito a dettagliarla semplicemente con la pittura.

 La rollcage originale l’ho dovuta rifinire e in alcuni punti ricostruire. Idem per la pedaliera, quella originale è di fatto proprio brutta e povera di dettaglio.

 I sedili li ho rifiniti con un lavoro lungo e minuzioso, poi dipinti di nero e giallo ocra. Un dettaglio importante: nella 037 EVO 1 erano con imbottitura nera mentre nella EVO 2 la stoffa fu cambiata con quella di colore azzurro intenso.

 

 

 Le due foto sotto mostrano l’abitacolo da me elaborato.

 Nota importante, che cito prima che nei vari forum si scriva che NISE elabora con un mare di errori le 1:43: nel modello reale gli interni delle portiere erano in Kevlar grezzo e quindi di colore nero opaco. Io li ho realizzati in giallo ocra come erano quelli nella versione EVO 2. Li ho dipinti volutamente errati per permettere di far risaltare l’elaborazione degli interni. La foto in fondo all’articolo mostra che erano appunto di colore nero.

 La foto ci mostra anche un dettaglio non da poco: la targa originale anteriore era attaccata all’interno della portiera del copilota. All’esterno, tramite dei banali numeri e caratteri adesivi, era stata replicata la targa. Un dettaglio che dalle 037 in poi sarà messo in atto da centinaia di team di rally, poco propensi a vedere il navigatore scendere dopo ogni salto a raccogliere la targa staccatasi dal paraurti.

 

A close up of a toy

Description automatically generated

 

 Purtroppo, ci sono due dettagli che non sono riuscito a cogliere con una foto: gli attacchi delle cinture di sicurezza e la piastra protettiva dietro i sedili.

 Per la piastra paraschiena, mi è stato sufficiente con dell’argento opaco dipingere quella in rilievo. Gli attacchi li ho realizzati con filo elettrico.

 Ah! Attenzione! Occorre aggiungere lo specchietto retrovisore interno che WHITEBOX si è dimenticata di mettere.

 

A close up of a device

Description automatically generated

 

A picture containing outdoor, transport, sitting, ground

Description automatically generated

Dettaglio degli interni della 037 originale del ‘Monte 83 (Copyright www.thespeedjournal.com)

 

A group of people riding on the back of a truck

Description automatically generated

 

 L’antenna l’ho ricostruita da zero mentre specchietti laterali e tergi cristalli sono quelli del modello semplicemente rifiniti e ridipinti rispettivamente in nero semilucidi e in nero opaco.

 Sull’anteriore e sul posteriore ho aggiunto i ganci di fermo cofani e ridipinto di nero opaco i sotto portiera.

 I fari anteriori anabbaglianti sono quelli in resina di EQUIPE TRON da 3 mm; aggiunte le frecce laterali anteriori che purtroppo sono in posizione non corretta (dovevo coprire quelle originali). Per verifica controllate la foto in fondo all’articolo. Le frecce Vi saranno utili per notare subito i dettagli in questione.

 Ho aggiunto poi i tappi dei due serbatoi e i paraspruzzi al paraurti posteriore; i paraspruzzi non erano presenti per le ruote anteriori.

 Ultimo consiglio: proteggo sempre le decal più piccole con vernice sintetica lucida e trasparente, impedisce il distacco e l’ingiallimento. Funziona, credetemi.

 

A group of people standing in front of a car

Description automatically generated

La vettura premiata da Reali monegaschi presso Monaco Ville (Copyright sconosciuto).

 

Riferimenti documentali

www.thespeedjournal.com

www.lanciarally037.com/gazzetta.htm

 Creative Commons License